Boomer App per Botox su richiesta

I servizi di bellezza a domicilio sono in aumento: con pochi tocchi sul tuo smartphone, puoi ottenere blowout, manis, makeup, diamine, persino trattamenti per il viso e massaggi, direttamente nel tuo salotto. Tutto è “l’Uber di” qualcosa. Quindi forse era inevitabile che il trattamento cosmetico non chirurgico più popolare di tutti i tempi – sì, Botox – diventasse un trattamento di bellezza abilitato per le applicazioni. Questa innovazione è ora una realtà, grazie a Boomer, un nuovissimo servizio Botox su richiesta.

La fondatrice di Boomer, la dermatologa di New York, Valerie Goldburt, afferma di aver avuto l’idea durante uno dei suoi numerosi viaggi di 60 miglia alla sua pratica di dermatologia a Long Island, dove ha visto migliaia di pazienti. “Ho avuto un momento di eureka: mi sono reso conto che se sono in viaggio per vedere i miei pazienti, sono in viaggio per vedermi, quindi passavamo tutti il ​​tempo a cercare di arrivare da qualche parte”, dice. “Quindi è stato un bel po ‘di guida e di attesa, e ho pensato che doveva esserci un modo migliore. Era più o meno nel periodo in cui Uber stava diventando sempre più popolare, così ho iniziato a pensare a come portare minimamente invasivo procedure per i pazienti. Combinare lo spazio tecnologico e lo spazio on-demand simile a Uber con quello che stavo già facendo aveva senso “.

su richiesta botox app 2

Per quanto attraente possa essere la nozione di cura della pelle come il meno possibile, ci sono anche alcune preoccupazioni piuttosto ovvie. E credimi, sono preoccupato che cosa …? la reazione all’idea di un sistema di erogazione fluido antiriflesso connesso allo smartphone era solo la punta dell’iceberg. “Ci sono molte cose che mi riguardano riguardo alla casa Botox on-demand”, dice Rebecca Kazin, dermatologa di Baltimora e professore clinico nel dipartimento di dermatologia di Johns Hopkins. Tra le sue molte riserve, una delle più grandi era chi avrebbe somministrato i trattamenti. “Questi dermatologi addestrati sono infermieri o infermieri?” Il dermatologo di New York Kenneth Mark fa eco a questa preoccupazione: “La cosa più importante con qualsiasi procedura iniettabile è chi lo sta facendo”, dice. “Fortunatamente, queste procedure sono relativamente non invasive ed estremamente sicure, ma il livello di abilità dell’iniettore, la conoscenza di come, cosa e dove iniettare e la capacità di dare giudizi clinici adeguati è estremamente importante.”

Tale disagio è comprensibile, ma Goldburt è pronto a sottolineare che i dermatologi nella rete di Boomer sono altamente qualificati. “Questi sono tutti dermatologi certificati”, afferma. “Sono persone che conosco e di cui mi fido, i miei colleghi. La certificazione di bordo è un processo molto complesso e difficile, richiede anni e anni di formazione, quindi è davvero un grande processo di valutazione in sé e per sé.” Aggiunge che Boomer fa in modo che “la persona abbia una buona reputazione, ma ora sono tutte le persone che conosco personalmente e di cui mi fido”.

Ma che dire della somministrazione di un liquido che paralizza i muscoli in un ambiente non controllato e non attrezzato da un medico? “Il Botox, o qualsiasi altro iniettabile, viene fatto meglio in un ambiente medico sterile”, afferma Barry Weintraub, chirurgo plastico di New York e portavoce nazionale della American Society of Plastic Surgery. “Molte persone pensano erroneamente che le sostanze iniettabili, essendo non invasive, non siano così gravi come gli interventi chirurgici, ma non è assolutamente così: il Botox non è un tipo di servizio per un’iniezione di cinque minuti di stop-in-per-un-minuto. il corretto ambiente sterile richiede tempo e fatica. ” Mark è d’accordo, ma consente che ci sia un valore nell’aspetto a casa: “Botox è una procedura medica e deve avere una certa dose di rispetto”, dice. “L’ufficio è ovviamente un ambiente più serio rispetto a quello della casa: con ciò detto, la casa è più rilassante e più confortevole dello studio di un medico. Ci sono alcuni pazienti che sono legittimamente ansiosi quando vanno in uno studio medico e la loro pressione sanguigna può anche salire, l’ipertensione è un fattore di rischio per lividi “. Goldburt cita questa cosa come “una grande parte del motivo per cui ho voluto farlo.Quando un sacco di persone entrano per Botox, sono molto tese e nervose e non sanno cosa aspettarsi.Le persone hanno questo camice bianco sindrome, “dove vedono un dottore in ufficio e la loro pressione sanguigna salta alle stelle, nella loro stessa casa, nel loro dominio, si sentiranno molto più rilassati.E ‘più comodo se si tratta delle condizioni del paziente.”

Tech-meets-beauty Boomer potrebbe sembrare un prodotto rivoluzionario, ma ricorda anche la pratica un tempo comune dei medici che eseguono le chiamate a domicilio. Vuoi provare una sessione di Botox distribuita in casa? O stai dalla parte di Kazin, che dice: “È una procedura medica, non una pizza”?

Scopri altri gadget di alta tecnologia:

Loading...