Più senatori donne che mai prima del 2017 – Incontra nuove donne senatori

Il soffitto di vetro in cima alla Casa Bianca potrebbe essere intatto (per ora), ma le elezioni di novembre hanno comunque rappresentato una vittoria importante per la donna: il Senato degli Stati Uniti più femminile mai. Ora ci sono 21 senatrici (16 democratici e cinque repubblicani) -oh, e abbiamo già detto che è il gruppo più diversificato di donne capo? Il numero di donne di colore che servono al Senato è quadruplicato dal 2015.

E mentre non siamo neanche lontanamente vicini alla parità: le donne costituiscono metà della popolazione, ma solo il 19% del Congresso nel complesso, vale la pena celebrare anche un progresso progressivo. Perché? Perché le donne fanno le cose. I ricercatori hanno scoperto che i legislatori di sesso femminile sponsorizzano più fatture, approvano più leggi e sono più propensi a lavorare insieme attraverso le linee di partito, e questa è una buona notizia per tutti noi.

Qui, tutte e quattro le donne della nuova matricola del Senato, Catherine Cortez Masto (D-Nevada), Tammy Duckworth (D-Illinois), Kamala Harris (D-California) e Maggie Hassan (D-New Hampshire), ci dicono cosa significa essere un “primo”, come difenderanno i diritti delle donne nell’amministrazione Trump e perché le donne (incluso te!) dovrebbero candidarsi.

Immagine
Senatore democratico Tammy Duckworth (Illinois)
Getty Images


Marie Claire: Com’è stata la notte delle elezioni per te? Come hai bilanciato la tua vittoria con la perdita di Hillary Clinton?

Tammy Duckworth: Ero euforico. La mia razza fu chiamata presto e pensai che la mia vittoria fosse solo la prima di una serie di donne che sarebbero state elette quella notte. Ma quando ho finito di parlare e di stringere la mano, è diventato evidente che [Clinton] potrebbe non farcela, e il mio umore si è spostato verso l’incredulità e la devastazione. Il giorno dopo, uscii per ringraziare i pendolari di una stazione ferroviaria, e la gente, specialmente le donne, si avvicinò e mi strinse la mano, dicendo: “Ieri notte eri una luce splendente,” e poi cominciavano a piangere. Da allora, quasi ogni giorno, ho tenuto qualcuno tra le mie braccia e dato loro un abbraccio mentre piangevano sulla mia spalla. Il mio compito ora è di non arrendermi, di continuare a difendere e lottare per le questioni in cui la segretaria Clinton ha diretto la sua campagna. Devo farlo per mostrare alle giovani ragazze in questo paese che possono davvero crescere fino a diventare ciò che vogliono – hanno bisogno di sapere che possono diventare presidente.

“Devo mostrare alle ragazze di questo paese che possono davvero crescere per essere ciò che vogliono essere”. -Senator Tammy Duckworth

MC: Molti di voi sono “primi”, il primo senatore di Latina, il primo senatore indiano-americano, il primo senatore thailandese-americano. Cosa significa per te?

Catherine Cortez Masto: È stato emozionante fare la storia, ma è più importante sapere che i latini hanno ora un rappresentante e una voce al Senato. È ora che abbiamo più diversità nel governo!

Kamala Harris: Ho avuto l’onore e, lo ammetto, la sfortunata esperienza di essere “il primo” in ogni ufficio eletto che abbia mai tenuto. Dico “sfortunato” perché è un peccato che stiamo ancora facendo “i primi”. C’è molto lavoro da fare per essere sicuro che i nostri leader riflettano le persone che dovrebbero rappresentare. Più diversificato è un gruppo di responsabili delle decisioni, più la decisione sarà informata. Fino a quando non otterremo la piena rappresentanza, tutti dovremmo capire che non stiamo rispettando gli ideali del nostro paese.

Immagine

Senatore democratico Maggie Hassan (New Hampshire)
Getty Images

MC: Molte donne si sentono sconfitte ora. Cosa diresti loro?

Maggie Hassan: Potrebbero provare qualche speranza perché ora avranno 21 donne al Senato, e possono guardare a noi come l’esempio della differenza che spinge le donne a candidarsi e quanto sia importante. La nostra democrazia prospera quando le persone si difendono e si impegnano nel processo politico.

KH: Non arrenderti, il nostro Paese ha bisogno di te ora più che mai. Questo è un momento cruciale nella storia del nostro paese: i nostri ideali sono in gioco, e tutti dobbiamo combattere per quello che siamo. Siamo tutti e dovremmo essere trattati uguali, ma la disparità in termini di reddito e disuguaglianza, per donne e donne di colore, è significativa. Prendiamo in considerazione Coretta Scott King, che ha dichiarato: “La libertà non è mai veramente vinta, la guadagni e la vinci in ogni generazione”.

“Questo è un momento cruciale nella storia del nostro paese: i nostri ideali sono in gioco e tutti dobbiamo combattere per quello che siamo”. -Senatore Kamala Harris

CCM: Non si tratta solo di assumere l’amministrazione Trump. Sii fidanzato con la tua comunità. Le donne dovrebbero lavorare con i leader locali e statali e fare voce per assicurarsi che ci sia più diversità e più donne coinvolte.

MC: Molte donne sono specificamente preoccupate per i diritti riproduttivi. Come difenderete tali diritti?

MH: Dobbiamo aiutare i responsabili delle decisioni a capire che i diritti alla salute riproduttiva delle donne sono diritti civili e che le donne devono essere libere di prendere le stesse decisioni che gli uomini sono liberi di fare in materia di assistenza sanitaria e se e quando avere una famiglia. Sarà sempre più importante per le donne parlare non solo di essere in grado di prendere le nostre decisioni, ma anche dell’importanza di essere di fiducia prendere le nostre decisioni.

KH: A nessuna donna dovrebbe essere detto che non può prendere le sue decisioni sul suo corpo. Se i diritti riproduttivi delle donne vengono attaccati, io sarò lì, in piedi per le donne.

MC: Perché hai corso in ufficio?

MH: Sono entrato in servizio pubblico dopo aver sostenuto mio figlio, Ben, che sperimenta disabilità gravi e pervasive, capendo che i sostenitori che mi hanno preceduto hanno reso possibile che mio figlio fosse incluso nella nostra comunità e nella nostra scuola. Questo mi ha ricordato che facciamo progressi solo quando le persone sono disposte a parlare di come sono le loro vite e di cosa si preoccupano. Permettiamo agli altri di capire la nostra prospettiva.

Immagine

Senatore democratico Kamala Harris (California)
Getty Images

CCM: Per la maggior parte delle donne, correre per l’ufficio inizia con la passione per un problema che ti interessa. Per me, sono sempre stati i diritti umani, la prevenzione della violenza domestica, la riforma della giustizia minorile, la prevenzione delle aggressioni sessuali. C’è una tendenza per cui molte delle nostre persone vulnerabili possono essere sfruttate e io ero stanco di farlo.

“È ora che abbiamo più diversità nel governo!” -Senator Catherine Cortez Masto

MC: Le donne governano in modo diverso?

TD: È importante avere donne in posizioni di leadership, perché le nostre esperienze sono diverse da quelle degli uomini con cui serviamo e questo ci aiuta a identificare i problemi che possiamo risolvere. La mia legge FAM (Friendly Airports for Mothers) avrebbe assicurato che gli aeroporti disponessero di camere per l’allattamento per le mamme che allattavano mentre viaggiavano, invece di essere costrette a dare da mangiare ai nostri bambini in un bagno. Questo è un esempio di qualcosa che gli uomini probabilmente non pensano tanto. Inoltre, c’è una tendenza naturale tra le donne per la costruzione del consenso. [Il numero di donne in ufficio] è più piccolo di quanto dovrebbe essere, ma almeno ci rende più facile stare insieme.

“La cosa importante da sapere per le donne è che puoi essere chi sei e candidarti.” -Senatore Maggie Hassan

MC: Come possiamo far correre più donne?

MH: La cosa importante da sapere per le donne è che puoi essere chi sei e candidarti. Le donne hanno bisogno di vedersi come buoni candidati, le cui esperienze di vita sono importanti e capiscono che ci sono molti modi in cui le persone entrano nella vita pubblica.

Immagine

Senatrice democratica Catherine Cortez Masto (Nevada)
Getty Images

TD: In media, alle donne deve essere chiesto di correre sette volte prima di farlo. Mentre gli uomini, che hanno maggiori probabilità di scappare, di solito decidono di farlo da soli. Dovremmo chiedere a più donne che conosciamo di candidarsi per uffici di tutto lo spettro, a livello locale, statale e federale. Inizia a casa ea scuola. Le giovani donne hanno meno probabilità di ricevere l’incoraggiamento di cui hanno bisogno da modelli di ruolo come insegnanti e genitori. E dovrebbero essere incoraggiati: gli studi dimostrano che le donne sono altrettanto probabili degli uomini da vincere quando corrono.

KH: Sono stato un orgoglioso mentore di molte donne in cerca di un ufficio pubblico, perché credo che abbiamo bisogno di più donne a tutti i livelli di governo. Le donne hanno un pari interesse nel nostro futuro e dovrebbero avere la stessa voce nella nostra politica. Sono tempi difficili, ma credo che ottenere più donne per candidarsi per ufficio sia una grande parte della soluzione. Ci saranno così tanti scontri importanti nei prossimi quattro anni: spetta a ognuno di noi alzarsi in piedi, servire da leader e registrare il nostro punto di vista.

Le interviste sono state condotte separatamente, e condensate e modificate per chiarezza. Questo articolo appare nel numero di marzo di Marie Claire, in edicola ora

Loading...