Sarah Jessica Parker parla del “divorzio” sulla copertina di settembre 2016 di Marie Claire – FOTO

Il mio primo lavoro a New York è stato come un P.A. nel film del 1996 di Sarah Jessica Parker Se Lucy Fell. Incaricato di sorvegliare una pila di attrezzature sotto il ponte di Brooklyn durante la notte, sono stato promosso a far parte di Sarah Jessica, quando la sua non si è presentata. Ciò mi ha richiesto di andare in bicicletta avanti e indietro attraverso il ponte fino a quando l’equipaggio non ha ottenuto l’illuminazione per la scena, quindi le riprese potevano iniziare. Se tu avessi detto a me che tra 20 anni avrei intervistato Parker per una rivista che avrei modificato, avrei potuto cadere da quella bici.

Immagine

Michelangelo di Battista

Ma eccomi qui, nel suo ufficio nel Flatiron District di Manhattan, che è pieno di dozzine e dozzine di scarpe (dalla sua collezione SJP e altre). Alle persone piace parlarle delle scarpe, ma come dice “Adoro le scarpe, ma amo anche i libri e l’architettura, la politica e le altre persone, i viaggi e i conflitti”. Così abbiamo parlato a lungo di tutte quelle cose e di più, incluso il suo ultimo progetto: protagonista e produttore esecutivo Divorzio, che debutta su HBO in ottobre.

Immagine

Michelangelo di Battista

Ecco alcuni punti salienti della nostra intervista, nel nostro numero di settembre in edicola il 16 agosto:

Sul matrimonio e il divorzio: “Per me, è davvero l’investimento nell’altra persona ed è l’aspettativa che hai: cambiano e diventi più intelligente, e forse pensi che quelle aspettative non valgano la pena di lottare con questa persona, ed è allora che le persone si mettono in libertà”.

Sul suo nuovo spettacolo viene paragonato a Sesso e città: “Adoro il modo in cui si apre l’episodio pilota perché tutti chiedono:” Oh, è uno spin-off di Sesso e città?”E nel momento in cui la scena di apertura finisce, e la vedi dargli il dito, sai che è molto diverso.”

Essere femminista: “Non sono femminista, non credo di essere qualificato, credo nelle donne e credo nell’uguaglianza, ma penso che ci sia così tanto da fare che non voglio nemmeno più separarmene. Sono così stanco della separazione, voglio solo che le persone vengano trattate allo stesso modo. “

Sul divario retributivo di genere: “Vorrei che tutte quelle sciocchezze finissero, vorrei che le donne venissero pagate per il valore dei loro contributi, non per le idee antiquate sul genere”.

Su altre attrici che parlano a Hollywood: “Ascolta, Jennifer Lawrence merita tanto quanto la sua controparte maschile.E ‘indiscutibile.Emma Watson è una giovane donna straordinaria, ed è importante per lei parlare di questioni femminili.Non è preoccupata per se stessa.Le donne stanno pagando le bollette , facendo tutto, portando i bambini qua e là. Più ci rivolgiamo a questo, saremo tutti migliori “.

Sui suoi figli: “Sono così disperata che i miei figli siano persone curiose, voglio solo che siano felici e curiosi.”

Leggi l’intervista completa e guarda altre foto nel numero di settembre di Marie Claire, in edicola il 16 agosto. E per un po ‘di azione dietro le quinte per trattenerti, vedi più di Parker nel suo servizio di copertina qui:

Musica in primo piano: TJH87 – “Lost Into the Night” (ft Guy Brown); per gentile concessione di Youth Control