Correttore per macchie scure cliniche New Even Better Clinique – Il miglior siero per correggere macchie scure

La mia faccia era l’ultima delle mie preoccupazioni. Le scadenze lavorative, il pendolarismo a New York City e il contatore dei messaggi non letti sulla mia app di posta elettronica erano stressanti – la mia pelle no. Ma pochi mesi fa, un’infarinatura di macchie marroni apparve sulle mie guance tipicamente uniformi, e poi spuntarono delle macchie rosse lungo i lati del mio naso. Immaginai che fosse solo un altro segno che stavo invecchiando e diede alla dottoressa Amy Wechsler, psichiatra e dermatologa di New York, una telefonata per discutere.

Ha convenuto che l’età ha avuto un ruolo – specialmente nel caso delle macchie marroni, che sono molto probabilmente un segno di danni cumulativi del sole – ma ha spiegato che potrebbero esserci altri fattori coinvolti. “Non sottovalutare l’effetto dello stress, che rilascia cortisolo che può abbattere la barriera cutanea, impedire alle cellule di capovolgersi e causare la perdita di acqua transepidermica in modo da avere più sensibilità, che porta a rossore e secchezza e … ”

Ero troppo stressato dalla sua lista per lasciarla continuare. “Quindi cosa posso fare?” Ho chiesto.

“Un pisolino di 20 o 30 minuti, massaggi, sesso … tutti abbassano i livelli di cortisolo e la meditazione abbassa il cortisolo proprio come qualsiasi altra cosa là fuori”.

Mi ha detto che i prodotti di attualità potrebbero aiutare (ne parleremo più avanti), ma ha anche suggerito alcuni cambiamenti nello stile di vita. “Un pisolino di 20 o 30 minuti, massaggi, sesso … tutti abbassano i livelli di cortisolo”. grande, Ho pensato, tutto quello che devo fare è lasciare il mio lavoro e andare in vacanza permanente con il mio ragazzo per una pelle migliore! “E la meditazione abbassa il cortisolo tanto bene quanto qualsiasi altra cosa là fuori”, ha aggiunto. È una delle ragioni per cui ha frequentato un corso di meditazione la scorsa estate, e mi ha suggerito di cercare di fare lo stesso.

monaco sorridente

Un monaco al tempio Manpuku-ji a Kyoto, in Giappone
Jennifer Goldstein

Quando sono arrivato, un monaco sorridente dalla pelle liscia mi ha portato nella sala della meditazione del tempio (che è lui nella foto-guarda quella carnagione!). Lì, mi ha ordinato di sedermi su un cuscino nella posizione del loto e concentrarmi sulla respirazione dentro e fuori, lasciando che i miei pensieri andassero e venissero senza coinvolgerli. Stranamente, il permesso di pensare mi ha permesso di tranquillizzare la mente più facilmente di altre volte che avevo cercato di meditare. Detto questo, c’erano solo pochi preziosi secondi bianchi in cui le normali chiacchiere del mio cervello cessavano durante la mia intera sessione di 20 minuti. E mentre so che ci vogliono anni di pratica per calmare la mente come un monaco, non sono disposto ad aspettare tanto a lungo per avere una pelle chiara.

Fortunatamente, un incontro con i dirigenti della Clinique offre una soluzione. Hanno sfruttato il famoso tè verde gyokuro di Kyoto – un particolare varietà coltivato nella vicina valle di Wazuka – come ingrediente principale di un nuovo siero per correggere il tono della pelle questo mese. “Gyokuro è ricco di caffeina e teanina, entrambi noti per avere effetti anti-infiammatori”, spiega Tom Mammone, Ph.D., vice presidente di Clinique di fisiologia e farmacologia della pelle. Usare il tè verde per aiutare a far sfumare le macchie non è una novità, molti sieri illuminanti si basano sull’ingrediente energetico, ma ciò che rende speciale questa formula è la sua capacità di alleviare il rossore e la pigmentazione del marrone. “Lo scolorimento che viene con l’età non è solo da [marrone] melanina, di cui tutti hanno parlato”, dice Mammone. “Ci sono anche piccole macchie rosse e chiazze, causate da vasi sanguigni iperreattivi, e ora possiamo occuparcene anche noi”. La chiave è il design “due in uno” del siero: una pompa del doppio cilindro fornisce simultaneamente il correttore del punto marrone e un ottimizzatore per ridurre il rossore.

“La chiave è il design due in uno del siero: una pompa del doppio cilindro fornisce contemporaneamente il correttore del punto marrone e un ottimizzatore per ridurre il rossore.”

Quando torno a casa, ho allestito un angolo a lume di candela del mio appartamento zazen pratica. Ma ho anche inserito il nuovo siero (Clinique Even Better Clinical Dark Spot Corrector Optimizer, $ 79,50) sul mio comodino quindi non dimenticherò di applicarlo due volte al giorno. Per quanto io creda nella meditazione, vado anche all’altare del banco di bellezza. 

Immagine

Clinique

Una versione di questo articolo appare nel numero di settembre di Marie Claire, in edicola ora

Loading...