Allargamento del pene e sesso: ero in una relazione abusiva

Ci eravamo appena innamorati quando Blake mi ha chiesto quanti partner sessuali avessi avuto. Era il Ringraziamento e avevamo trascorso la giornata insieme, preparando il nostro pasto a base di granchio e costolette, che abbiamo mangiato mentre guardavamo i film della Pixar: il perfetto Ringraziamento a bassa pressione. Quella notte, ci siamo rilassati sul divano, con lo stomaco pieno, le gambe intrecciate. Mi sentivo felice, eccitato e spaventato, quel cocktail di emozioni che accompagna una nuova relazione. Alla fine avevo trovato una persona attraente, intelligente, creativa che sembrava avere la sua vita insieme. Quindi, ho semplicemente risposto con il mio numero.

Avrei potuto intuire che la storia sessuale del mio nuovo fidanzato non aveva tanti capitoli – o note a piè di pagina – come le mie, ma non mi importava. Aveva trascorso la maggior parte dei suoi anni in grado di mantenere una relazione monogamica mentre stavo ancora giocando. Era proprio come si scuotevano i numeri, immaginavo; eravamo in posti diversi nelle nostre vite. Ma Blake non ha visto le cose in questo modo. Nella sua mente c’erano numeri troppo alti, e il mio era uno di loro.


Il giorno prima ci siamo sposati, Blake ha insistito per dirgli, una volta per tutte, come si è misurato il suo pene. Eravamo stati insieme per un anno da allora e avevo trascorso gran parte di quel tempo, da quel giorno del Ringraziamento, a sopportare interrogatori sulla mia storia sessuale. Ma questa volta, mi ha letteralmente spinto in un angolo, urlando che gli dico la verità sulla sua taglia-perché non potevo farlo?come se la mia esperienza mi rendesse una specie di esperto di misurazione del fallo.

Ero spaventato. Alla fine, mi sono rotto e ho ammesso che, nel mio parere inesperto, era dalla parte più piccola della media. Mi sono sentito male. Era una di quelle cose che non hai detto, non importa quale, ma Blake aveva un talento per farmi parlare l’indicibile, non solo per superare i miei confini, ma per cancellarli completamente.

“mentre era cosciente, i medici hanno iniettato una sorta di soluzione nel suo pene, che causerebbe un tremendo gonfiore e dolore”.

Il giorno dopo, siamo fuggiti.

Abbiamo comprato semplici fedi nuziali al centro commerciale mentre andavamo al tribunale. Indossavo un abito rosa e bianco con pizzo che avevo tirato fuori dal mio armadio e pianto per tutta la breve cerimonia, un nodo nello stomaco. Nel profondo, sapevo che sposarlo non avrebbe risolto nessuno dei nostri problemi.

Abbastanza sicuro, pochi giorni dopo, Blake ha sollevato l’idea di avere il suo pene allargato. Fino ad allora, non avevo nemmeno saputo che una cosa del genere fosse possibile. Ma mio marito aveva già fatto le sue ricerche, trascorrendo ore nei più oscuri recessi di Internet dove uomini disperati e insicuri si riunivano nelle chat per discutere i metodi back-end per aumentare la loro virilità. Aveva trovato una clinica in Messico.

Immagine

StocksyMia Feitel

Ho pregato Blake di non alterare il suo corpo. Mi piaceva come lui, dissi. Non aveva bisogno di un pene più grande. Questa era la verità: non avevo mai trovato alcuna correlazione tra la dimensione del pacchetto di un partner e la qualità del sesso che avevamo. Anch’io non uscivo mai con nessuno – o non frequentavo qualcuno – su un tale dettaglio. Inoltre, ho un disturbo cronico del dolore che spesso rende doloroso il rapporto sessuale. Se Blake avesse allargato il suo pene, avrebbe potuto influire negativamente sulla nostra vita sessuale.

Lo sbeffeggiava, citando un partner ben dotato del mio passato come prova che questo non aveva importanza, anche se avevo avuto molti problemi con dolore e riacutizzazioni durante quella relazione. Quindi consegnò la sua ultima e massacrante manipolazione: stava facendo questo per me.

Questo è ciò io davvero voluto, disse. Dopotutto, avevo adorato i peni degli altri fidanzati, ma non i suoi. Sapeva di questo, dei soprannomi e delle barzellette, perché aveva curiosato tra le mie e-mail e i dvd degli ultimi anni, un altro abuso che aveva iniziato a sentirsi pedone.

“Poi ha emesso la sua ultima e massacrante manipolazione: stava facendo questo per me.”

Ma mentre dubitava della sua abilità sessuale, Blake stava facendo gli straordinari per farmi vergognare il mio. Sosteneva di aver detto ai suoi amici quante persone con cui avevo dormito e che mi avevano chiesto se avessi avuto problemi emotivi. Mi ha confrontato con dati sulla media nazionale dei partner sessuali, ulteriore prova che ero una puttana, mentre lui era semplicemente leggermente sopra la media. Era eccezionale, qualcuno con l’avena selvatica ancora da seminare, mentre io ero un mostro.

Era l’ultima forma di illuminazione a gas, un modo di incolpare me per l’autolesionismo che ha inflitto.

Così è volato in Messico per avere la procedura.

Non molto tempo dopo il suo arrivo – avendo volato in una città vicina e guidato attraverso il confine da un autobus – i clinici hanno iniettato una specie di soluzione nel suo pene, causando un tremendo gonfiore e dolore. Dopo il suo primo “trattamento”, ha fatto il lungo viaggio verso casa con il suo pene infilato in una manica sintetica e avvolto in una garza, l’organo così malconcio e contuso che non mi avrebbe permesso di vederlo.

Alla fine, quando il gonfiore si placò, il pene di Blake fu allargato in modo permanente, sia negli stati flaccidi che in quelli eretti. Ma la soluzione al suo interno potrebbe risolversi in modo non uniforme, causando grumi o altre irregolarità. Inoltre, un trattamento non era abbastanza per fare abbastanza differenza per lui. La maggior parte dei pazienti ha visitato la clinica due o tre volte, anche se ogni viaggio costa qualche migliaio di dollari.

Immagine

StocksyMia Feitel


Blake ha fatto due viaggi nella clinica misteriosa in Messico. Ogni volta, ha agito imbarazzato e imbarazzato al suo ritorno. Non voleva che lo allassi e manteneva le istruzioni per la cura che gli erano state date, trascorrendo misteriosamente lunghe ore in bagno. Più tardi, avrei trovato una garza insanguinata nel cestino dei rifiuti. Era come se volesse far finta che questo cambiamento avvenisse in modo naturale, e quindi si è opposto a qualsiasi menzione esplicita di come l’aumento fosse avvenuto. Di conseguenza, non ho mai saputo esattamente dove fosse andato Blake o con quello che aveva iniettato.

Suppongo che si possa dire che la procedura è stata un successo: ha alterato in modo permanente le dimensioni e l’aspetto del pene di Blake, migliorando sensibilmente la sua circonferenza senza lasciare segni o irregolarità evidenti.

Ma l’aggiornamento del pene, insieme all’abuso continuo, ha distrutto il nostro matrimonio.

Il mio disturbo mi ha lasciato un disagio quasi costante durante il sesso. Ho trascorso gran parte del mio tempo andando agli appuntamenti del dottore e provando diverse terapie per trattare questi sintomi. Così ha dormito sul divano e mi ha costantemente rimproverato di non aver soddisfatto i suoi bisogni sessuali, specialmente quando pensava a tutto il sesso che avevo “donato” prima che arrivasse. Il sesso era sempre qualcosa che gli dovevo.

“mi ha messo le mani sulla bocca per soffocare le mie grida di aiuto e ho realizzato con improvvisa chiarezza che alla fine mi avrebbe colpito”.

Ho provato ancora e ancora a lasciare la relazione. Ma Blake minacciava di uccidersi ogni volta, ancora una volta affidandosi a minacce di autolesionismo per manipolarmi. Anche il suo controllo e la violenza nei miei confronti aumentarono. Nel giro di un paio d’anni, era sparito da urla in faccia e rovesciato tavoli per afferrarmi e spingermi contro un muro.

Durante il nostro ultimo combattimento da coppia sposata, mi ha messo le mani sulla bocca per soffocare le mie grida di aiuto e ho realizzato con improvvisa chiarezza che alla fine mi avrebbe colpito. Ma era il fatto che non avevo paura di spaventarmi di più. Mi ero aspettato questo.

Finalmente ho avuto la forza di andarmene e ho chiesto il divorzio.

La mia vita è stata ricostruita con notevole velocità, ma il processo di distrazione legalmente ed emotivamente dal mio ex violento, mentre mi riprendo dal trauma che ho sofferto, è lungo. Sono contento di vedere la fine da qui. Immagino che sarà come venire in aria.

Tutti i nomi sono stati cambiati.

Seguire Marie Claire su Facebook per le ultime notizie sulle celebrità, i consigli di bellezza, le letture affascinanti, i video in tempo reale e altro ancora.

Loading...